Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo


Home Page




Notizie Utili




Attività e riunioni




Dirigenti e commissioni




Storia del Club




La Rivista




Area Riservata




Rotaract e Inner Wheel




Link utili




News




English Version






Login
User

Pass










Welcome




Benvenuti nel sito ufficiale del Rotary Club Cagliari Est (fondato il 12 aprile 1973).


Il sito contiene:  la presentazione del Club,

la descrizione delle attività di servizio,

le date delle riunioni,

la composizione degli organi direttivi,

una breve storia del Club,

spazi dedicati al Rotaract, all'Interact ed all'Inner Wheel,  

una pagina di link correlati al Rotary, a Cagliari e alla Sardegna.

 

E' possibile inoltre scaricare la rivista del Club in formato pdf.
L'area riservata contiene ulteriori informazioni di interesse dei soci.

Il Club tiene le sue riunioni tutti i martedì alle 20,30 presso il T Hotel, via dei Giudicati 66 - 09131, Cagliari - tel +39 070 47400.



News





Messaggio di Gennaio 2018 Presidente Internazionale




Photo Messaggio del Presidente

Ian H.S. Riseley - Rotary International President-elect 2016-17
Ian H.S. Riseley

Presidente 2017-18

Gennaio 2018

Nel Rotary, la nostra diversità è la nostra forza. Questa idea risale ai primi anni della nostra organizzazione, quando fu proposto, per la prima volta, il sistema di classificazione. L'idea alla base era semplice: un club con soci con background e competenze di vario tipo è in grado di offrire un servizio migliore di quello di un club privo di questa varietà di esperienze.

Negli anni successivi, l'idea della diversità nel Rotary è stata definita in modo più ampio. Abbiamo scoperto che un club che rappresenta davvero la sua comunità è molto più capace di fornire un servizio efficace a quella comunità. La diversità rimane un elemento essenziale del Rotary: non solo per offrire un ottimo servizio oggi, ma per avere una robusta organizzazione in futuro.

Uno degli aspetti più urgenti da affrontare sulla diversità a proposito del nostro effettivo è l'età dei soci. Dando uno sguardo generale al Rotary, è subito evidente che l'età media delle persone presenti non promette un futuro sostenibile alla nostra organizzazione. Il nostro effettivo sta per raggiungere un numero record di affiliati e continuiamo ad affiliare nuovi soci da tempo - ma solo una minoranza di essi è abbastanza giovane da poter prestare servizio nel Rotary per vari decenni. Per garantire al Rotary di avere una leadership forte e capace, dobbiamo coinvolgere i soci più giovani e capaci di oggi.

Inoltre, non possiamo parlare della diversità nel Rotary senza affrontare il problema del genere. È difficile immaginare che solo trent'anni fa le donne non potevano affiliarsi al Rotary. Anche se abbiamo fatto molta strada da allora, gli effetti di quella politica sbagliata si fanno sentire ancora oggi. Troppe persone continuano a pensare al Rotary come un'organizzazione per soli uomini, e quell'idea ha avuto un effetto negativo sia sulla nostra immagine pubblica che sulla crescita del nostro effettivo. Oggi le donne costituiscono poco più del 21 per cento dei soci del Rotary. Sebbene questa percentuale sia certamente un ottimo miglioramento, abbiamo tanta strada da fare per raggiungere quello che dovrebbe essere l'obiettivo di ogni club: un equilibrio tra i due generi che corrisponda a quello del mondo esterno, quindi avere un numero equilibrato di presenze femminili e maschili nel Rotary.

A prescindere da quello che ognuno di noi ha portato al Rotary, restiamo perché troviamo valore nell'appartenenza a quest'organizzazione e crediamo che il nostro service abbia valore per il mondo. Con la costituzione di club che riflettono il mondo in tutta la sua diversità, realizzeremo un valore ancora più duraturo perché Il Rotary fa la differenza.
...segue»




Lettera del Governatore Salvina Deiana di Novembre 2017




Photo Cari Amici,
ho piacere di condividere con voi le importanti attività rotariane del mese appena trascorso.
Ho partecipato a Pisa al 56^ Premio Galilei dei Rotary Club italiani, nel quale ho avuto il
privilegio di portare il saluto in rappresentanza di tutti i Distretti Italiani, durante la cerimonia
di premiazione, nella quale si è messa in particolare risalto l'attenzione posta dal Rotary verso la
cultura e lo studio, anche verso i giovani, sempre ad altissimo livello.
La storia del premio Galilei ha avuto momenti di fama, alternati da periodi di minor interesse,
ma quest'anno i Distretti italiani, come programma comune, hanno voluto nuovamente istituire
il Premio Galileo Galilei Giovani destinando un contributo distrettuale a questa iniziativa che,
unito a quello della Fondazione Galilei, permetterà di selezionare due giovani studiosi per ogni
distretto, come da Bando di prossima pubblicazione.
Ottenere un Premio Galilei Giovani costituisce, nel curriculum di un ricercatore, un punto di
particolare merito, che può davvero fare la differenza risultando di particolare utilità per la
propria carriera; rimarrà inoltre a testimonianza dell'attenzione del Rotary per la cultura in tutte
le sue forme.
Anche all'Institute di Montpellier, cui pure ho partecipato, i giovani sono stati protagonisti
assoluti: a loro ed alla loro interazione col futuro del Rotary sono state dedicate le tre giornate di
appassionato lavoro, precedute dal Seminario di Zona sulla Rotary Foundation, durante il quale
sono stati esposti ed apprezzati i poster dei tre progetti, allo scopo predisposti, finanziati da
sovvenzioni globali, del nostro Distretto.
Ancora giovani e Rotary a Fiuggi, in occasione del WORLD POLIO DAY, che ha visto riunite
oltre 400 persone per condividere una serata dedicata alla raccolta di fondi necessari per
contribuire alla sconfitta della terribile malattia: per tutti, si sono cimentati ai fornelli i ragazzi
dell'Istituto Alberghiero di Fiuggi, in gara nel Contest Junior Chef, preceduto da una sfilata di
gioielli della prestigiosa Maison Boccadamo, indossati da ragazzi Rotaractiani. Non è mancata
una generosa riffa e, su tutto, la proiezione del logo Rotary ed End Polio Now sulla magnifica
facciata del Palazzo della Fonte.
./.
Al Presidente ed agli amici del Club di Fiuggi che tanto si sono impegnati per la riuscita della
manifestazione, il più caloroso grazie da parte del Distretto a riconoscimento del supporto e
della collaborazione che ha fatto la differenza in questo evento distrettuale, suggellato anche dal
rarissimo annullo postale a timbro quadrato ottenuto dal Distretto da Poste Italiane.
Abbiamo svolto i Seminari di formazione per l'Effettivo e le Nuove Generazioni, che hanno visto
la partecipazione di un alto numero di soci, sia nell'edizione di Pomezia che in quella di
Macomer, mentre ha preso avvio il corso modulare della Rotary Leadership Institute ed è
programmato, per la Sardegna, nei giorni 23 e 24 novembre il RYLA Distrettuale a Sassari, in
collaborazione con la KPMG e con il Dipartimento Dumas dell’Università degli Studi di Sassari.
Siamo arrivati a Novembre, il mese dedicato da sempre alla Rotary Foundation, nel corso del
quale terremo, sempre in doppia edizione, a Tivoli il giorno 18 e ad Ozieri il giorno 25 , il
Seminario "Rotary Foundation e gestione delle sovvenzioni ", che riveste particolare importanza
perché la partecipazione allo stesso costituisce requisito essenziale per la qualificazione dei Club
ad ottenere sovvenzioni, ma anche per un migliore apprendimento su come elaborare una
proposta di Grant ed al contempo una ancora più incisiva sensibilizzazione, per i Club medesimi
e per i Soci tutti, ad effettuare attività di raccolta fondi.
Anche il Distretto intende cimentarsi in una raccolta fondi attraverso il progetto "DEA MADRE",
edizione limitata END POLIO NOW - ROTARY MAKING A DIFFERENCE.
Le statuette, raffiguranti una DEA MADRE, da sempre simbologia femminile per eccellenza,
sono state donate al Distretto, in numero di cento, dall'artista Vittoria Nieddu, con due scopi
solidali.
Ogni DEA MADRE potrà essere adottata corrispondendo la somma di €100,00, dei quali una
parte andrà a favore del programma END POLIO NOW ed un'altra a sostegno dell'acquisto di 25
kg di pasta da donare ad una mensa per i più bisognosi, a Roma e a Sassari.
La manifestazione di interesse all'adozione (ci si baserà sul principio che chi prima prenota,
prima sarà servito), dovrà essere inviata all'indirizzo email della segreteria distrettuale
segreteria@distretto2080.org ma saranno occasioni di raccolta delle prenotazioni anche gli
appuntamenti seminariali distrettuali sulla Rotary Foundation, soprarichiamati, in programma
a Tivoli il 18 novembre e ad Ozieri il 25 novembre 2017.
Albano Laziale Alba Longa - Alghero - Aprilia Cisterna - Bolsena e La consegna avverrà entro il 15 dicembre, in tempo utile ove la DEA costituisse beneaugurante
dono natalizio.
Anche a novembre abbiamo un appuntamento internazionale, il ROTARY DAY AT THE
UNITED NATIONS a Ginevra, mentre si avvicina la data di iscrizione, a costo ridotto entro il 15
dicembre, per la partecipazione al Congresso Internazionale di questo anno rotariano, che si
svolgerà a Toronto dal 23 al 27 giugno 2018.
Chiudo portandovi a conoscenza della richiesta di costituzione di un nuovo Club Rotary e di un
club Earlyact.
Allego, come sempre, invitandovi alla loro lettura, l'approfondimento del mese.
A tutti un caro saluto e, sempre, Forza Paris!
Di seguito, gli appuntamenti più significativi, al momento calendarizzati fino a febbraio
2018, consultabili nel sito distrettuale:
11/12 Novembre: ROTARY DAY, Ginevra
18 Novembre: Seminario R. F. e gestione sovvenzioni, Tivoli
23/24 Novembre: RYLA-Sardegna, Sassari
25 Novembre: Seminario R. F. e gestione sovvenzioni, Ozieri
2 Dicembre: Walking In Rotary, Roma
2 Dicembre: Rotary Leadership Institute-2^modulo, Roma
3 Dicembre: Giornata di Formazione dedicata, in particolare, ai
Soci ammessi nei Club dal 2013 ad oggi, Roma
20 Gennaio: Seminario Pianificazione Strategica
27 Gennaio: Rotary Leadership Institute-3^modulo, Roma
10 Febbraio: Rotary Leadership Institute-1^modulo, Sardegna
17 Febbraio: Giornata di Formazione dedicata, in particolare, ai
Soci ammessi nei Club dal 2013 ad oggi, Sardegna
23 Febbraio: Rotary Day.

NOVEMBRE ROTARY: IL MESE DEDICATO ALLA NOSTRA “CENTENARIA”
FONDAZIONE.
Fu Archibald Klumph, sesto Presidente del Rotary International, ad ideare l’ampliamento del concetto
del servire, proponendo la costituzione all’interno del Rotary di una autonoma struttura
amministrativo-contabile, destinata ad occuparsi delle opere assistenziali da realizzare nel mondo.
L’idea la presentò nel 1917 ai delegati convenuti ad Atlanta per il Congresso annuale, dicendo che
“sarebbe stato opportuno accettare dall’esterno delle donazioni, utilizzabili per fare del bene nel
mondo”.
Gli inizi però non furono facili. Questa iniziale, piccola cassaforte interna, nacque in sordina. Fu il
Rotary Club di Kansas City (Missouri) il primo a versare un contributo di 26,50 US$ al Fondo appena
creato, frutto di un piccolo avanzo di gestione del club relativo all’anno precedente. Questo primo
esempio fu seguito, poco tempo dopo, dal Club di San Francisco (California), dal quale arrivò un’altra
modesta donazione.
Questi piccoli, lenti, passi iniziali cominciarono a farsi più svelti nel 1928, anno in cui il Fondo di
dotazione superò i 5.000 US$ e il Congresso Internazionale, svoltosi a Minneapolis (Minnesota),
decise che era giunto il momento di istituire una vera e propria “Fondazione” per amministrarli. Il
Fondo venne ribattezzato FONDAZIONE ROTARY, divenendo una entità autonoma all’interno del
Rotary Internatiornal. Nel Congresso vennero designati 5 amministratori e naturalmente, Arch. C.
Klumph, ai quali fu affidato il compito di conservare, investire e gestire tutti i fondi e le proprietà della
Fondazione come un Ente Fiduciario per sostenere gli obiettivi, i programmi ed i progetti del Rotary
International.
Fu dopo la morte di Paul Harris, avvenuta a Chicago nel 1947, che le donazioni in favore della
Fondazione ebbero una grande impennata: le ingenti donazioni fatte in suo onore fecero della
Fondazione una struttura economicamente forte, che divenne il vero braccio operativo del Rotary nel
Mondo. Con le cospicue disponibilità pervenute, la Fondazione lanciò un primo straordinario
programma denominato “Ambassadorial Scholarship“, dedicato ai giovani studenti; a quelli che vi
parteciparono fu dato il nome di “Paul Harris Fellow”, amici di Paul Harris. Questo riconoscimento di
“Amico di Paul Harris” fu l’embrione della nascita dell’attuale onorificenza.
Nel 1957, infatti, gli amministratori della Fondazione diedero vita ad un vero e proprio riconoscimento
ufficiale da dare ai benefattori-donatori: un’onorificenza che mantenne il nome di “Paul Harris
Fellow”, amico di Paul Harris, concessa a chi versava alla Fondazione 1.000 Dollari. L’iniziativa ebbe
un successo straordinario: anno dopo anno i donatori crescevano e ad oggi gli insigniti della PHF sono
ben oltre un milione, distribuiti in tutto il mondo.
.

Amici, Paul Harris sapeva (e lo scrisse nelle sue memorie) che il Rotary si sarebbe dovuto adeguare
al mondo che cambiava in continuazione, e di conseguenza anche il Rotary e la Fondazione hanno
dovuto adeguarsi ai cambiamenti. Le modeste operazioni assistenziali iniziali divennero sempre più
grandi e specializzate, portate avanti nel mondo a partire dai Paesi più poveri e bisognosi. La battaglia
contro la Polio ne è l’esempio più eclatante. Anche le metodiche di erogazione dei fondi hanno subito
nel tempo dei cambiamenti, nell’intento di snellire e velocizzare le procedure, pur nel pieno rispetto
dell’utilizzo e della destinazione dei fondi.
Quello che non è cambiato (e mai dovrebbe cambiare) nella filosofia rotariana è il campo d’azione, i
suoi scopi: il Rotary continuerà ad occuparsi della fame nel mondo, della salute, dell’istruzione,
dell’acqua potabile, delle nuove generazioni. Le sue “Vie d’azione” non sono cambiate e non
cambieranno, così come non cambierà, ne sono certo, il sostegno che alla Fondazione continueranno
a dare tutti i club del mondo ed i sempre più numerosi sostenitori.
Nel Terzo Millennio che stiamo vivendo, il Rotary è pronto ad affrontare il futuro senza rinnegare
nulla del Suo passato! Finora, attraverso la Fondazione sono stati raccolti milioni di dollari per avere
un mondo senza la polio; abbiamo impiegato un numero incalcolabile di ore per mobilitare i volontari
che hanno immunizzato milioni di bambini e, dopo tanti sacrifici, abbiamo praticamente raggiunto
l’obiettivo: siamo giunti a pochi passi dalla meta. Questo vuol dire che dobbiamo perseverare, essere
ancora più tenaci, per poter affrontare con rinnovato coraggio le nuove sfide che ci attendono.
"Servire nel Rotary”, cari amici, è orgoglio e passione: significa spogliarci dell'egoismo e tendere
senza timore la mano agli altri, aiutandoli a rialzarsi. Servire, non mi stancherò mai di ripeterlo,
significa donare agli altri la nostra professionalità, la nostra capacità e la nostra disponibilità; significa
accettare e praticare la “cultura del dono”, capace di fondere in noi il credo dell’homo oeconomicus
con quello dell’homo donator!
La Rotary Foundation, cari amici, non dimentichiamolo mai, è quello strumento che consente a tutti
noi, con un piccolo sacrificio, di fare cose grandi, che da soli non saremo mai riusciti a fare! Certo,
sempre tutti INSIEME, uniti nel Rotary e dal Rotary, perché tutti, orgogliosamente, possiamo sempre
sostenere, a viso aperto, che il Rotary nel mondo fa la differenza!
Forza Paris!
Mario ...segue»




Presidente eletto 2019/2020




Photo Donatella Masala eletta dall’assemblea dei soci riunitasi ieri al THotel Presidente del Club per l’anno rotariano 2019/2020. Auguri vivissimi di buon lavoro! ...segue»




Manuale di procedura 2016




Photo Manuale di Procedura Rotary International 2016 ...segue»




Progetto Blom. Felice conclusione.




Photo Sovvenzione Globale GG 1418425 "Comunità Blom" in Guinea Bissau, sponsorizzata dal RC Cagliari Est e' stata completata con successo in questi giorni con il collaudo di un impianto foto-voltaico di 40 pannelli che daranno elettricità a una scuola media.
...segue»




Presidente del Club designato per l'anno rotariano 2017/2018




Photo L'Assemblea dei Soci tenutasi martedi 17 scorso al THotel ha eletto Vincenza -Cicci- Ibba Presidente del Club per l' anno rotariano 2017/2018. ...segue»




IAN RISELEY SELEZIONATO COME PRESIDENTE DEL RI 2017/2018




Photo Ian H.S. Riseley, socio del Rotary Club di Sandringham, Victoria, Australia, è stato scelto dalla Commissione di nomina come Presidente del Rotary International per l'anno rotariano 2017/2018. Diventerà ufficialmente presidente designato il 1° ottobre se non ci saranno altri pretendenti.

Riseley afferma che i partenariati significativi con le aziende e altre organizzazioni sono cruciali per il futuro del Rotary.

"Noi abbiamo i programmi e il personale e altri hanno le risorse", ha spiegato Riseley. "Fare del bene nel mondo è l'obiettivo di tutti. Dobbiamo imparare dall'esperienza del programma di eradicazione della polio per massimizzare la consapevolezza del pubblico per i futuri partenariati ".

Riseley è un commercialista e titolare della Ian Riseley and Co., che si occupa di consulenza alle imprese locali e internazionali, con particolare attenzione agli affari internazionali. Ha ricevuto il premio AusAID Peacebuilder dal governo australiano nel 2002 in riconoscimento del suo lavoro a Timor-Leste. Inoltre, Riseley ha ricevuto la medaglia dell'Ordine d'Australia nel 2006 per il servizio alla comunità australiana.
"I governi vedono il Rotary come rappresentante positivo della società civile. Dobbiamo collaborare con la società civile per sostenere la pace e la risoluzione dei conflitti, così come abbiamo fatto per l'eradicazione della polio", ha affermato Riseley.

Socio dal 1978, Riseley ha ricoperto vari incarichi nel nel Rotary: tesoriere, consigliere, amministratore, membro della commissione direttiva del Consiglio centrale, membro di task force, presidente e membro di commissione e governatore distrettuale. Ex membro della campagna di eradicazione della polio del settore privato dell'Australia, Riseley è stato insignito del premio della Fondazione Rotary per il servizio per un mondo libero dalla polio. Lui e sua moglie, Juliet, sono Amici Paul Harris multipli, Grandi donatori e membri della Bequest Society. ...segue»




Con siglio di Legislazione Rotary 2016




Photo IL CONSIGLIO APPROVA MAGGIORE FLESSIBILITÀ AI CLUB PER LE RIUNIONI E L'AFFILIAZIONE


Dominique Dubois, membro del Consiglio, alza il cartoncino verde per indicare il suo sostegno alla mozione mentre Sandeep Nurang presenta le sue riflessioni durante il Consiglio di Legislazione 2016.
Referenze foto Monika Lozinska.
Il Consiglio di Legislazione 2016 potrebbe essere ricordato come uno dei più progressivi nella storia del Rotary.

Non solo è stata concessa ai club maggiore libertà nel determinare il calendario delle riunioni e l'effettivo, ma è stato anche approvato un aumento delle quote pro capite di 4 dollari l'anno entro i prossimi tre anni. L'aumento servirà per migliorare il sito del Rotary, gli strumenti on-line e aggiungere programmi e servizi per aiutare i club ad accrescere il loro effettivo.

Il Consiglio è un elemento essenziale della governance del Rotary. Ogni tre anni, i soci provenienti da tutto il mondo si riuniscono a Chicago per prendere in considerazione le proposte di modifica delle norme che regolano il funzionamento dell'organizzazione e i suoi club membri. I provvedimenti adotattati entreranno in vigore il 1º luglio.

Il tono di quest'anno era stato prefissato in anticipo, quando il Consiglio centrale aveva redatto due proposte per aumentare la flessibilità. Il primo provvedimento consente ai club di decidere di cambiare gli orari delle riunioni, sia per gli incontri online o di persona, e quando cancellare una riunione, ammesso che si riuniscano almeno due volte al mese. La seconda consente ai club di essere flessibili nella scelta delle loro regole e requisiti di affiliazione. Entrambe sono state approvate.

I delegati hanno inoltre approvato la rimozione di sei requisiti di affiliazione dallo Statuto del RI da sostituire con un semplice requisito che il socio sia una persona di buon carattere e con una buona reputazione nell'ambito della sua attività professionale o in seno alla comunità, e che la sua disponibilità a mettersi a servizio della comunità.

L'aumento di 4 dollari della quota annuale si basa su una previsione finanziaria quinquennale secondo la quale in mancanza di aumento della quota associativa o di tagli drastici, il fondo di riserva sarebbe calato al di sotto del livello di mandato entro il 2020. Le quote pro capite annuali che i club versano al RI saranno di 60 USD per il 2017/2018, 64 USD per il 2018/2019 e 68 USD per il 2019/2020. Spettterà al prossimo Consiglio stabilire le quote degli anni successivi.

"Siamo in un momento in cui dobbiamo pensare al di là dello status quo", ha dichiarato il vice presidente del RI Greg E. Podd. "Dobbiamo pensare al nostro futuro."

Podd detto che l'aumento quote permetterà al RI di migliorare il sito web Il mio Rotary, sviluppare le risorse per permettere ai club di offrire una migliore esperienza di affiliazione, semplificare la rendicontazione dei club e distretti, migliorare l'accesso al sito web per i Rotaractiani, e aggiornare i sistemi per mantenere il Rotary in conformità con le normative globali aggiornate.

Inoltre, in seguito alle decisioni prese dal Consiglio:

Il Consiglio delle Risoluzioni si riunirà una volta l'anno on-line per prendere in considerazione le risoluzioni - raccomandazioni al Consiglio centrale. I membri del Consiglio saranno selezionati per un mandato triennale. Parteciperanno al Consiglio delle Risoluzioni per tre anni e al Consiglio di Legislazione durante il loro ultimo anno d'incarico. Il Consiglio delle risoluzioni consentirà al Consiglio di Legislazione di concentrarsi sugli emendamenti - modifiche ai documenti ufficiali del Rotary. I sostenitori prevedono che il Consiglio di Legislazione può quindi essere ridotto di un giorno, risparmiando così 300.000 dollari.
I Rotaractiani potranno diventare soci del club, mentre sono ancora affiliati al Rotaract. I fautori di questa proposta sostengono che sono troppo pochi i Rotaractiani (circa il 5 per cento) che finiscono per affiliarsi al Rotary. A volte è perché non vogliono lasciare i loro club Rotaract prima dell'età limite dei 30 anni. Si spera che avendo più opzioni si potrà aumentare il numero dei giovani leader qualificati nel Rotary.
La distinzione tra e-club e club tradizionali sarà eliminata. Il Consiglio ha riconosciuto che i club si riuniscono in tanti modi, e di fronte a questa flessibilità di format, la distinzione non era più significativa. I club che hanno "e-club" nel loro nome possono continuare a mantenere questa specificazione nel nome.
Il riferimento alle quote di ammissione verrà eliminato dal regolamento. I fautori sostengono che la menzione di quote di ammissione non è indicativa dell'immagine moderna del Rotary.
È stata stabilita una commissione permanente per l'affiliazione per riconoscere che l'effettivo è una priorità assoluta dell'organizzazione, mentre si è ribadito che l'eradicazione della polio rimane l'obiettivo di primissimo ordine. ...segue»




Presidente eletto del Club anno 2018/2019




Photo L'Assemblea dei soci riunitasi al THOTEL martedi 29 Novembre scorso, ha eletto l'Amico e Socio Salvatorangelo Ortu Presidente del Club per l'anno rotariano 2018/2019. Vivissime felicitazioni ed auguri di buon lavoro!
L'Assemblea ha altresì eletto il C.D. che affiancherà Cicci Ibba Presidente dell'anno rotariano 2017/2018. ...segue»




Cicci Ibba Presidente 17/18




Photo Martedì 27 Giugno al THotel il Presidente in carica Giorgio Piras ha ceduto il Collare a Vincenza Cicci Ibba che dal 1 Luglio guiderà'' il Club.La cerimonia e' avvenuta alla presenza di numerosi soci e autorita' rotariane. ...segue»




Lettera di Luglio 2017 del Governatore Salvina Deiana




Photo Cari Amici,
vi scrivo queste poche righe sull'onda emotiva vissuta la mattina di sabato 1 luglio all'Altare della Patria, dove in tanti avete voluto essere presenti per rendere insieme a me omaggio al Milite Ignoto, nel segno di una unità di intenti e di volontà di servizio rotariano che caratterizzerà il nostro anno nel quale il Rotary farà la differenza, secondo il motto presidenziale.

Abbiamo avuto il piacere della presenza di 9 Governatori che in rappresentanza di tutti i Distretti Italiani hanno accettato con grande entusiasmo il mio invito e con la loro partecipazione, hanno condiviso con noi tutti presenti un evento finora riservato al nostro Distretto: porto a tutti voi, unitamente alle mie, le loro parole di caloroso ringraziamento e di buon augurio per l'anno che inizia, in particolare ai tanti Presidenti intervenuti alla cerimonia ed a tutti i presenti che con la loro affettuosa partecipazione hanno, e ci hanno fatto vivere, un’ora di vera amicizia rotariana.

Il mio ringraziamento va anche ai soci del Club Roma e per esso al suo Presidente per averci fatto ammirare la Fontana della Pigna, restaurata di recente, in maniera pregevolissima, dal Club. Il 1 luglio di ogni anno è il giorno che vede l'avvio delle nuove attività rotariane, in ogni Rotary Club del mondo ogni socio rotariano è chiamato a proseguire nel servizio a favore dell'umanità, sempre oltre ogni interesse personale: quest’anno il nostro servizio dovrà fare la differenza.

Ce lo ricorda anche il Presidente Internazionale Ian RISELEY nel suo messaggio del mese di luglio, che vi invito a leggere.

Vi ho scritto diverse volte in questo ultimo periodo, per svariati motivi, ma voglio profittare di questa occasione per pregarvi ancora di essere presenti in occasione della visita del Presidente Internazionale al nostro Distretto, di cui avete ricevuto il programma dettagliato degli incontri ufficiali.

Come sapete, sono due i momenti nei quali il Presidente incontrerà i Rotariani del Distretto: uno in Sardegna, a Sassari, il pomeriggio del giorno 10, l’altro a Roma il pomeriggio del giorno 12.

È un evento particolarmente gradito e che sento beneaugurante, nel quale avremo piacere di far sentire al Presidente ed alla moglie Juliet tutto il nostro affetto e per dimostrargli gratitudine per aver voluto dedicare qualche giorno ad ammirare e godere, dopo quelle romane di oltre un anno fa, le bellezze della Sardegna da Presidente del Rotary International.

Per quanto riguarda la vita del Distretto, vi informo di aver sottoscritto la richiesta di costituzione di un nuovo Club, che prenderà nome "Rotary Club Roma Urbis", mentre chiedo ancora, in modo particolare ai Presidenti, di porre attenzione al conseguimento dell'attestato presidenziale, prevedendo e realizzando gli obiettivi di club per l'anno 2017-18: vorrei che al termine di quest'annata tutti i Club lo meritino e lo conseguano.

Prima di chiudere questa mia, sono a chiedervi un po' di pazienza per quanto riguarda la stampa del libretto distrettuale e la definizione del calendario delle visite che saranno presto in pubblicazione.

Cari Amici, aiutatemi a fare la differenza con la vostra amicizia, il vostro sostegno, il vostro impegno ed i vostri suggerimenti e, ove ve ne fossero, critiche costruttive.



A tutti i miei auguri per un anno di buon Rotary …e Forza Paris!




...segue»




Lettera di Settembre 2017 Salvina Deiana




Photo “SETTEMBRE, andiamo”.

Parole di uno dei più grandi poeti italiani, Gabriele D'Annunzio, a noi tutti note fin da bambini.
Rappresentava, allora, la transumanza dei pastori, il cambio di stagione, la ripresa di una attività tipica di quel periodo: anche per il Rotary settembre è il mese della ripresa delle attività.
Non che ad agosto non si sia lavorato: come certamente avrete potuto apprendere per l'informazione che ne ho dato a tutti i Presidenti, agosto ha visto la nascita di un nuovo Club nel nostro Distretto, il Rotary E-Club Amatrice, nato per iniziativa e volere congiunti del Rotary Club di Rieti e del Rotary E-Club 2042.
È costituito da 26 Soci Fondatori e porta a 92 il numero dei Club del nostro Distretto. È stato fortemente voluto, con data di costituzione 24 agosto 2017, per simboleggiare, ad un anno esatto dal terremoto che ha sventrato quei luoghi, la rinascita e la voglia di riconquistare una normalità di vita quotidiana. È stato fortemente voluto da persone unite dalla volontà di mettersi a servizio di chi ne ha bisogno, in perfetto spirito rotariano.

Si riprendono dunque le attività e gli incontri ed io mi preparo ad iniziare le visite ai Club.
La prima la renderò al Club di Latina, del quale ricorre, in questo anno rotariano, il cinquantesimo anno di costituzione. Per tali ricorrenze il Rotary International pone particolare enfasi, in quanto le definisce un traguardo importante perché sta a significare la dedizione che il club ha dimostrato nell'apportare cambiamenti positivi nella comunità per tanti anni.
Per quanto riguarda prossime attività di rilevanza interdistrettuale, il 7 ed 8 ottobre a Pisa si terrà il Premio Galileo Galilei dei Distretti Italiani, nel quale avrò l'onore, durante la cerimonia della consegna dei Premi, di portare il saluto a nome di tutti i Governatori Italiani.
È ormai definito il programma per la partecipazione all' Institute di Montpellier, che si svolgerà dal 16 al 19 ottobre, con relativo piccolo programma opzionale aggiuntivo; sul sito distrettuale potrete, tra qualche giorno, reperire ogni informazione utile per la vostra auspicata partecipazione.

L'Institute è infatti aperto alla partecipazione di tutti i Rotariani e quest'anno abbiamo la gradita sorpresa di poter partecipare alla sessione di approfondimento dedicata alla Rotary Foundation, che si terrà lunedì 16 esponendo alcuni poster che illustreranno progetti, realizzati nel nostro Distretto, assistiti da sovvenzioni della RF.
Metà settembre vedrà i nostri ragazzi del Rotaract, di cui in questo anno rotariano ricorre il 50° anniversario della Fondazione, riuniti in Sardegna per il loro annuale Congresso dell’Amicizia.
Fine settembre sarà periodo di avvio di formazione anche per i ragazzi Inbound del programma Scambio Giovani. La sessione formativa, che accoglierà circa quaranta ragazzi partecipanti, che stanno via via arrivando presso le famiglie ospitanti, sarà articolata su due giorni di attività e si terrà in Sardegna.
È superfluo dire che non ci siamo scordati del WORLD POLIO DAY che festeggeremo il 24 ottobre p.v.
Settembre è il mese in cui riprende l'attività scolastica ed il Rotary dedica questo mese all’Alfabetizzazione ed all’Educazione di base.
Trovate, allegato a questa mia, l'approfondimento di questo tema redatto dal socio Mario Virdis, che vi invito a leggere.
Il messaggio del Presidente Internazionale è invece, questo mese, dedicato a promuovere il Congresso di Toronto, che mi auguro sia molto partecipato dai soci del nostro Distretto.

Sarà, a Dio piacendo, il mio settimo Congresso Internazionale e sono certa che sarà, come sempre, una esperienza bellissima, quella che, almeno una volta nella vita, ogni socio rotariano dovrebbe fare.


Vi saluto con un grande abbraccio, Forza Paris!



SETTEMBRE, MESE DELL'ALFABETIZZAZIONE E DELL’EDUCAZIONE DI BASE

Cari amici,
per il Rotary l’Alfabetizzazione, unitamente al miglioramento delle Risorse idriche, agli interventi sulla Sanità e la Fame nel mondo, costituisce uno degli obiettivi fondamentali, a cui da tempo viene data priorità assoluta. Il problema della mancata alfabetizzazione di un’importante parte del mondo, nonostante gli sforzi fatti finora, purtroppo esiste e resta grave. Per il Rotary l’aver dedicato il mese di settembre all'Alfabetizzazione e all’Educazione di base delle popolazioni, non è stata una scelta casuale: l’UNESCO, infatti, l’8 settembre celebra la Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione, nata per sensibilizzare la Comunità mondiale sulla fondamentale importanza di questo diritto umano.
Le impietose statistiche su questo fenomeno hanno accertato che circa 900 milioni di persone non sanno né leggere né scrivere, che 2/3 di questi analfabeti totali sono donne e che circa 100 milioni di bambini in età scolastica, non vanno a scuola. Sono dati terribili. Nonostante il progresso raggiunto in molte parti del mondo, l’analfabetismo continua ad affliggere milioni di persone, in particolar modo donne e bambini. È un prezzo durissimo, perché l’analfabetismo aumenta il circuito della povertà, delle malattie, del mancato progresso economico e sociale.
Il Rotary e la sua Fondazione per questo motivo continuano a restare fortemente impegnati a sostenere l’istruzione, considerata una delle sei aree prioritarie su cui intervenire, per cercare di alleviare e diminuire gli effetti dello spinoso problema. Si, amici, Il Rotary fin dal lontano 1985 aveva individuato questa terribile realtà, cercando di trovare soluzioni. Nel 1992 istituì la sua prima task force dedicata all’alfabetizzazione, considerata un obiettivo chiave, in quanto la povertà era ed è un grande ostacolo alla crescita sociale, culturale e politica delle popolazioni. Il grande Nelson Mandela diceva: “Un Paese i cui futuri leader non hanno studiato, è un Paese che non può avere successo”. La cultura e la conoscenza sono indispensabili per garantire l’uguaglianza tra i popoli e favorire la democrazia e la
pace.
Ecco allora il Rotary invitare tutti i Rotariani del mondo ad attivarsi con forza e determinazione, perché considerate le loro alte professionalità i rotariani possono fare tanto: fornendo, ove e quando possibile, mezzi e uomini in grado di avviare processi culturali importanti. Pur non riuscendo a risolvere da soli il drammatico problema nella sua globalità, l’impegno e gli sforzi portati avanti dai rotariani rappresenterebbero sicuramente un esempio trainante, capace di coinvolgere anche altri, e, attraverso uno sforzo comune, prima diminuire e poi eliminare questo terribile gap che separa la conoscenza dall'ignoranza.
Nell’attuale situazione socio-economica che attanaglia il mondo, con una migrazione di popoli continua e incontrollata, l’alfabetizzazione e l’educazione di base potrebbero interessare, anche localmente, molti club. Attivarsi per creare gli strumenti atti a promuovere i diritti umani, la parità dei sessi, la multiculturalità e, in piccola parte, anche la risoluzione dei possibili conflitti è sicuramente un passo importante che tutti i club e tutti i rotariani dovrebbero fare.

Cogliamo dunque senza indugio il forte invito che il Rotary fa a noi tutti, senza remore o nascondimenti, sapendo che l’alfabetizzazione è quell’acceleratore di sviluppo che consente alla società umana di crescere in modo sostenibile.
Non dimentichiamo mai, amici, che noi rotariani da oltre un secolo svolgiamo nel mondo quel “servizio” che deve sempre “Fare la differenza”. Lavorando tutti insieme e, come dice Salvina, “Forza Paris”!

Mario


...segue»




Piazza Rotary





Alla presenza del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda,del Governatore del Distretto Rotary 2080 Salvina Deiana,e' stata inaugurata a Cagliari la Piazza Rotary in via Castiglione angolo via Grandi. Il 26 settembre scorso. Immancabile presenza di Cicci Ibba Presidente del nostro Club che si è' fortemente impegnata nella realizzazione del Progetto sostenuto anche dagli altri Club Rotary cittadini. L'inaugurazione ha avuto un forte eco nella stampa e il plauso del Rotary International. ...segue»




Messaggio del Presidente Internazionale di ottobre 2017




Photo Messaggi del Presidente
Ian H.S. Riseley - Rotary International President-elect 2016-17
Ian H.S. Riseley
Presidente 2017-18
Ottobre 2017

Alcuni anni fa, a Melbourne, in un museo dove lavorava mia figlia, avevano messo in mostra un polmone d'acciaio. Per le persone della mia età che si ricordavano la terribile epidemia della polio degli anni '50, il polmone d'acciaio era la dimostrazione dei progressi fatti grazie al vaccino, rendendo quest'apparecchiatura medica, letteralmente, un pezzo da museo.

La storia della polio nella maggior parte del mondo è molto semplice: dopo anni di paura, è stato sviluppato un vaccino e la malattia è stata sconfitta. Ma in alcune parti del mondo, la storia è differente. In tanti Paesi, il vaccino non era disponibile e le vaccinazioni di massa erano costose, oppure non era possibile raggiungere tutti i bambini da vaccinare. Mentre il resto del mondo aveva relegato la polio nei suoi musei, in questi Paesi la malattia continuava a diffondersi – fino a quando il Rotary si è fatto avanti dichiarando che tutti i bambini, a prescindere da dove abitavano o dalle loro circostanze, avevano diritto a vivere senza polio.

Dall'avvio di PolioPlus, gli impegni combinati del Rotary, dei governi del mondo e della Global Polio Eradication Initiative hanno portato il numero di casi stimati di polio da 350.000 all'anno ai pochissimi casi di oggi, nel 2017. Ma dobbiamo arrivare a zero casi, e rimanere a zero, per realizzare l'eradicazione. Per fare questo, abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti.

Il 24 ottobre, celebreremo la Giornata Mondiale della Polio. Si tratta di una giornata per celebrare tutto ciò che abbiamo realizzato e un'opportunità per migliorare la consapevolezza e raccogliere i fondi per completare l'opera. Chiedo a ogni Rotary club di partecipare in qualche modo alle attività della World Polio Day, e incoraggio tutti a visitare il sito endpolio.org/it per idee e per registrare gli eventi in programma. Dalle aste alle visioni di gruppo in realtà virtuale, dalle corse PolioPlus alle raccolte fondi nelle scuole, il vostro club può fare una vera differenza.

Quest'anno, il nostro evento in livestream World Polio Day si svolgerà presso la sede della Bill & Melinda Gates Foundation di Seattle; potrete visionare l'evento sul sito endpolio.org a cominciare dalle ore 14.30 (ora del Pacifico). Come molti sapranno già, il Rotary si è impegnato a raccogliere 50 milioni di dollari all'anno per i prossimi tre anni. La Gates Foundation provvederà a corrispondere 2 dollari per ogni dollaro donato, triplicando il valore di tutti i fondi raccolti dal Rotary, sia durante la Giornata Mondiale della Polio che durante tutto l'anno. Facciamo tutti la differenza per World Polio Day, per eradicare la polio.
...segue»




Selezionato Il Presidente Internazionale 2019-2020 Maloney




Photo Mark Daniel Maloney selezionato come Presidente del Rotary 2019/2020

Mark Daniel Maloney

Mark Daniel Maloney, del Rotary Club di Decatur, Alabama, USA, è stato selezionato dalla commissione di nomina del Presidente del Rotary International 2019/2020. Sarà dichiarato presidente nominato il 1° ottobre se non ci saranno altri candidati pretendenti.

"I club sono il posto in cui succede tutto nel Rotary", afferma Maloney, di professione avvocato. Mark Maloney intende sostenere e rafforzare i club alla base, per preservare la cultura del Rotary come organizzazione orientata al service e testare nuovi approcci regionali per favorire la crescita dell’effettivo.

“Con l'eradicazione della polio, il riconoscimento del Rotary sarà grande e le opportunità saranno molte", ha continuato a spiegare. "Abbiamo il potenziale per diventare una potenza mondiale del fare del bene”.

Maloney è il titolare dello studio legale di Blackburn, Maloney and Schuppert LLC, con particolare attenzione alla materia fiscale, successioni e diritto agrario. Maloney ha fatto da rappresentante per le grandi operazioni agricole del sud-est e centro-ovest degli Stati Uniti e ha presieduto la Commissione americana per l'agricoltura dell’American Bar Association nel campo fiscale. È membro delle associazioni American e Alabama State Bar e Alabama Law Institute.

Maloney è un membro attivo della comunità religiosa di Decatur, dove ha presieduto il consiglio finanziario della sua chiesa e il consiglio di una scuola cattolica del posto. Ha inoltre ricoperto la carica di presidente della Community Foundation of Greater Decatur, presidente dell’associazione Meals on Wheels della Contea di Morgan, e della Camera di commercio della Contea di Decatur-Morgan.

Rotariano dal 1980, Maloney ha ricoperto vari incarichi nel Rotary: Consigliere RI, Amministratore della Fondazione Rotary e vice presidente della Fondazione Rotary, assistente del presidente, coordinatore di zona e leader delle commissioni della Visione Futura e Congresso 2014 di Sydney. Attualmente è membro della Commissione per la revisione delle operazioni e dei Centri della pace del Rotary; ha ricevuto l’Encomio per il servizio meritevole e il Premio per l'eccellenza del servizio della Fondazione Rotary. Maloney e sua moglie, Gay, sono Amici di Paul Harris, Grandi donatori e membri della Bequest Society.

I membri della Commissione di nomina sono: (presidente di commissione) Anne L. Matthews, Rotary Club di Columbia East, South Carolina, USA; Ann-Britt Åsebol, Rotary Club di Falun-Kopparvågen, Svezia; Örsçelik Balkan, Rotary Club di Istanbul-Karaköy, Turchia; James Anthony Black, Rotary Club di Dunoon, Argyll, Scotland; John T. Blount, Rotary Club di Sebastopol, California, USA; Frank N. Goldberg, Rotary Club di Omaha-Suburban, Nebraska, USA; Antonio Hallage, Rotary Club di Curitiba-Leste, Pr., Brazil; Jackson S.L. Hsieh, Rotary Club di Taipei Sunrise, Taiwan; Holger Knaack, Rotary Club di Herzogtum Lauenburg-Mölln, Germania; Masahiro Kuroda, Rotary Club di Hachinohe South, Aomori, Japan; Larry A. Lunsford, Rotary Club di Kansas City-Plaza, Missouri, USA; P. T. Prabhakar, Rotary Club di Madras Central, Tamil Nadu, India; M.K. Panduranga Setty, Rotary Club di Bangalore, Karnataka, India; Andy Smallwood, Rotary Club di Gulfway-Hobby Airport Houston, Texas, USA; Norbert Turco, Rotary Club di Ajaccio, Francia; Yoshimasa Watanabe, Rotary Club di Kojima, Okayama, Giappone; Sangkoo Yun, Rotary Club di Sae Hanyang, Seul, Corea. ...segue»




Lettera del Governatore Salvina di Ottobre 2017




Photo Care amiche, cari amici,
vi scrivo durante i lavori della attività di formazione dei ragazzi partecipanti al programma
Scambio Giovani, uno dei programmi del Rotary per le nuove generazioni fra i più interessanti.
I ragazzi, finora 37, di entrambi i sessi, provenienti da tutto il mondo, sono via via arrivati
presso le famiglie ospitanti e si incontrano tutti insieme per la prima volta per conoscersi e
socializzare ma, soprattutto, per un'attività di formazione, precisa e mirata, sulle regole che
scandiranno il loro periodo di permanenza nel nostro Distretto, ospiti delle famiglie che hanno
scelto di fare questa esperienza.
...segue»




Semnario per l'Effettivo ottobre 2017




Photo Cari Amici,

Sabato 28 ottobre 2017, si svolgerà, come da programma allegato il Seminario Distrettuale sull’Effettivo e sulle Nuove Generazioni, rivolto ai Rotary Club della Sardegna.

Il Seminario, organizzato dal Rotary Club di Macomer, si svolgerà Ristorante LE CUPOLE, Località S. Lussorio, Borore, Strada Statale 131 Carlo Felice, Km. 135, 08016 Borore (NU)

La partecipazione al Seminario è gratuita e aperta a tutti i rotariani, ma è raccomandata in particolare ai Presidenti di Club, ai Presidenti ed ai componenti delle relative commissioni, nonché ai nuovi soci.

Per i soci che intendono usufruire del lunch, il costo è fissato in € 30,00

I Club potranno effettuare l’iscrizione utilizzando la scheda allegata, che dovrà essere inviata tramite email a segreteria@rotary2080.org

Unitamente all’iscrizione, dovrà essere prodotta ricevuta di pagamento mediante bonifico bancario, pari all’importo dei partecipanti al pranzo, intestato a:
Rotary lnternational Distretto 2080
IBAN IT60Z0321103200052251371930 - Banca Patrimoni Sella & C. Spa

Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro il 25 ottobre 2017

Nella certezza di vedervi numerosi e motivati,
un caloroso saluto e Forza Paris!



Salvina

...segue»




Come mai l' anno rotariano inizia il primo luglio?





Inizio dell' anno rotariano ...segue»


Photo



Il Rotary fa la differenza

Presidente Rotary International 2017/2018



Poster Progetto Bissau

Rotary International

End Polio Now - Eradica la polio





Programma Scambio Giovani 2080

Fondazione Omero Ranelletti del Distretto 2080



Rotary International - Distretto 2080


Photo

Photo


Photo